Cerca nel blog

venerdì 4 marzo 2011

La consapevolezza della cura nella Wicca


La Wicca non è un semplice culto, non è una setta, essa è a tutti gli effetti una religione.
Per comprendere quanto, nel suo essere religione, la Wicca abbia delle profonde peculiarità che la distinguono dalle altre religioni, dobbiamo partire dal significato stesso del termine, cioè dal significato che noi, come wiccan, attribuiamo alla religione. E' la stessa etimologia (vocabolario etimologico Pianigiani) ad offrirci quello che per noi è il significato più proprio di religione: questo deriverebbe da RELIGERE, da RE- che accenna a FREQUENZA e LEGERE, cioè SCEGLIERE e in senso figurato CERCARE, guardare con attenzione, da cui la parola assume il significato di AVERE RIGUARDO/CURA. La Wicca è infatti la religione dell'aver cura, riguardo per la Natura, per gli uomini e per gli dei. La CURA è una componente dell'atteggiamento religioso della nostra tradizione; la religiosità per noi è soprattutto CONSAPEVOLEZZA DELL' "AVER CURA". Essa è la responsabilità che ci assumiamo davanti a noi stessi (quando ci prendiamo cura di noi), davanti alle cose (quando ci prendiamo cura del Mondo), davanti agli dei (quando li onoriamo e li riconosciamo) e ha fondamentalmente a che vedere con un elemento originario, cioè esistenziale, che coinvolge tutto il nostro "ESSERE NEL MONDO", il nostro essere uomini e donne. Noi siamo, infatti, "destinati al mondo", e questo implica che dobbiamo aver cura di ciò che costituisce il mondo, la natura, la civiltà, gli altri.
L'atteggiamento religioso implica un rapporto AUTENTICO con la cura: curarsi di qualcosa non può significare solamente "interessarsi" a qualcosa, non può ridursi alla mera strumentalità, a come il mondo ci serve, ma deve essere inteso a come aver riguardo: UNA CURA AUTENTICA ESULA DA PREGIUDIZIO, per esempio dal pregiudizio culturale in cui ci troviamo inizialmente "immersi", come le tradizioni religiose in cui cresciamo. La nostra esistenza è in qualche modo inautentica perché noi aderiamo ad un modo di pensare che è già precostituito: nasciamo con questa inautenticità, cioè con una serie di concetti che abbiamo semplicemente accettato. L'autenticità rappresenta quindi il liberarsi da questo pregiudizio. liberarci dal "senso comune" per comprendere il mondo direttamente, non come un oggetto, ma piuttosto come qualcosa di cui si fa esperienza. La cura autentica è quindi un "dedicarsi" la mondo senza pregiudizio, ma piuttosto con giudizio, cioè partendo dalla propria esperienza delle cose. Per questo nella Wicca diciamo spesso che non c'è nulla in cui credere. Credere è già un pregiudizio! Al contrario gli dei ci chiamano a fare esperienza di essi, cioè a curarci autenticamente di loro.
Questo nostro atteggiamento è un modo di guardare le cose, uno sguardo che è in grado di riconoscere il sacro come il "luogo" in cui il divino si manifesta. Il ritorno degli dei passa attraverso il ricostituirsi del luogo sacro come spazio in cui il divino mostra il suo volto particolare. Un sacro che è spazio e apertura attraverso cui il divino, cioè ciò che nel sacro si può manifestare, si mostra all'uomo.
Quando entriamo nella dimensione della cura autentica, che è la nostra dimensione religiosa, è come passare da una visione in bianco e nero a quella a colori e il luogo sacro è come una macchia di colore in un mondo in bianco e nero. Praticare la Wicca è dedicarsi a colorare il mondo o meglio, a far si che i colori riemergano. E' una vita da "artista" che si svolge in uno "spazio tra mondi": quello limitato dell'umano e quello misterioso e indicibile del divino.

 

Tratto da" Wicca, la nuova era della Vecchia Religione", di Cronos, edito da Aradia Edizioni

8 commenti:

Lilly ha detto...

Brava claudia, ciò che stavo per fare io lo hai fatto tu, spiegando il vero significato dell'essere wiccan. Molti credono che sia stregoneria, qualcosa di losco, che si deve evitare come la lebbra. Si parte prevvenuti senza capire che é amore per il tutto, per nostra Madre Terra,per tuo il creato, per il rispetto di esso, di tutto ciò che vive in alto e in basso, ed é posto per noi. E' un senso innato del giusto vivere, della giustezza...e molto di più.
Grazie tesoro
un abbraccio
Lilly

ANNA ha detto...

Ciao sono Anna, sono capitata qui per caso ho letto anche io Cronos.... è stato il mio primo libro sulla Wicca e mi ha illuminata :)
ho inserito il tuo banner nel mio blog se ti va di dare un'occhiata al mio questo è il link http://tarocchimagianima.blogspot.com/

A presto )O(

... daisy... ha detto...

Sto leggendo molto sull'argomento e sto mettendo in pratica tante cose. E' meravigliosa la cura che ti insegna sia per le persone che per il mondo. Soprattutto però aiuta molto a combattere la negatività e in questo periodo sembra che sia diventata così forte in me.
Era molto che mi ero dimenticata questo legame così forte con la dea e il dio, con gli elementi e con la natura. forse dimenticata no, ma li ho trascurati per molto tempo.
grazie per questo post. bellissimo

Galadriel ha detto...

Buona sera Claudia! auguroni a noi donne. Buona serata a presto!

Cronos ha detto...

Non so a chi appartenga questo blog, ma la CURA a cui si fa riferimento è citare in primo luogo la fonte da cui si copia parola per parola. La pagina del blog è molto vecchia... Nella fattispecie è presa dal primo paragrafo del capitolo II di Wicca - La Nuova Era della Vecchia religione di Cronos.

☆ღ )O(Claudia)O( ღ☆ ha detto...

Gentile Sig. Cronos, avrei potuto non pubblicare questo commento perché è evidente che lei non ha letto il post fino alla fine dove, appunto, ho citato la fonte del suo libro che, per altro, ho letto e apprezzato. Ma siccome sono una persona "onesta" ho preferito pubblicare. La maggioranza delle cose presenti su questo blog sono scritte di mio pugno, tranne che per alcune eccezioni in cui ho SEMPRE citato la fonte di provenienza.Certa che la prossima volta che passerà di qui, e lo spero vivamente, presterà maggiore attenzione, colgo l'occasione per porgerle i miei più sentiti saluti. Lei è sempre il benvenuto!
Benedizioni!
C.

Cronos ha detto...

Si certo... non lo hai aggiunto adesso, si vede che avendo letto anche i commenti, dove vengo citato, non avevo visto l'intero post, né l'avevano visto forse chi me lo ha segnalato :) Comunque grazie e un saluto.

☆ღ )O(Claudia)O( ღ☆ ha detto...

Non c'è problema! Un caro saluto...

.

.

Archivio blog