Cerca nel blog

venerdì 8 ottobre 2010

Sei...






"Sei la mia schiavitù,
sei la mia libertà,
sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d'estate...
Sei la mia patria 
tu,
coi riflessi verdi dei tuoi occhi,
alto e vittorioso...
sei la nostalgia di saperti inaccessibile
nel momento stesso in cui ti afferro..."

 


Nazim Hikmet




8 commenti:

Lorenzo ha detto...

Viva l'Italia.

area56 ha detto...

Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.
N.Mandela

UIFPW08 ha detto...

Sappiamo soffrire..non sappiano morire.

Spes ha detto...

Sensazioni che comprendo per vissuti passati...fanno parte di me.
Mai potranno essere ignorati, ma tutto serve.

Marco Michele ha detto...

ciau claudia, complimenti davvero i tuoi testi, sentiti ed emozionanti...
spero di leggerti presto,
buona serata e grazie per la lettura ;)
Marco Michele
CN

Demetra ha detto...

Ciao , è molto che manco . Ma anche a distanza di tempo tornare a leggere i tuoi post è sempre un piacere . Buona serata

LePagineDellaNostraVita ha detto...

Sono molto legata a quell'abbraccio...

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Ti faccio i miei complimenti per questi versi.Non bisogna mai arrendersi e a volte anche quello impossibile diventa realtà.Saluti a presto

.

.

Archivio blog