Cerca nel blog

martedì 18 maggio 2010

Macigni






Ci sono sere in cui
la tua compagnia ti pesa
come questa in cui
mi osservo e percepisco tristezza...
Rincaso stanca e la mancanza di calore
umano è così forte in me che
mi sembra di spingere pesanti macigni
per fuoriuscire da un loculo buio e stagnante.
Spingo per liberarmi da essi
fino a sanguinare dalle dita
ma invano! Murata dalla mia solitudine.
Basterebbe un sorriso o una carezza amica a
disintegrare la roccia, un soffio d'affetto
a spazzare via la polvere.
Odio cenare da sola
odio la mia natura che in momenti come questi
vuole affondare ancora di più nella solitudine!
Mero annichilimento di uno stato d'animo incomprensibile!
Odio la mia fragilità che mi spinge dall'euforia
all'angoscia ad una velocità tale da battere la velocità del suono
delle voci prima di essere percepito dal più vicino udito!
Si, stasera la luna è bellissima...limpida e pallida
ma distante...
e le lacrime sono gocce di sangue che oscurano la vista delle stelle...
Stasera è così...
Domani è un altro giorno!





Nota: La fotografia in bianco e nero è di Francesca Woodman, giovane fotografa americana morta suicida all'età di 22 anni.

3 commenti:

Maga di Endor ha detto...

Tesoro, io ci sono e se vuoi ti do anche il mio numero di cellulare...Ci sentiamo per chatt magari. Ti abbraccio fortissimo. Ti mando la mia energia, affinchè questa tua notte sia serena.
Un abbraccio Cosmico
Lilly

UIFPW08 ha detto...

Ti prego non guardare il silenzio che ti circonda
in un'attimo di sconforto.
Lascia il velo della malinconia al sorriso che ti fa bella.
Non costruire musei di nuvole
che d'ombra trovano la notte
e lascia alla sagezza il colore del mare.

Hai dipinto di stelle i tuoi sogni e ne hai fatto pareti,
adesso chiudi gli occhi e continua a sognare.
Un abbraccio
Maurizio

Maga di Endor ha detto...

Claudia, spesso anche io mi sento così come te. Trovo che abbiamo molto in comune...Questa malinconia che ci accompagna come un'ombra vischiosa che si appiccica alla pelle e non riesci a mandare via. Oggi, cara, anch'io provo i tuoi stessi sentimenti, odio sentirmi così, odio sentirmi sola, odio sapere che se ci fosse una mano di aiuto, non la cercherei neanche perché voglio crogiolarmi in questo mio stato...ma so anche che dopo trascorso questo eterno momento mi disintossico, e alzo gli occhi al cielo, cerco la Luna, ci parlo, volo con i miei desideri, e l'indomani mattina rivedo spuntare il sole.
ti capisco tesoro.
Buona Notte
Lilly

.

.

Archivio blog